Ragazzi di Brera.

di Lucio Mayoor Tosi

napoleone-brera-kvhd-258x258ilsole24ore-web

Abbiamo due cadaveri e un uomo in coma.
Le strisce rosse fanno da quinta.
Napoleone Tour Eiffel: 30 x 40.
Disegno un girasole.
«In cambio della vostra collaborazione”
«Allora tu occupati di Sonny»

Sguardi di suore sulle alte pareti dei corridoi.
Intorno giardini di matite al disegno
di mani capelli facce che vivono
fuori dal tempo.

Napoleone dalle nude e prosperose fattezze
come appena uscito da un allenamento.
O forse dall’Orto botanico, dopo un’ora d’amore.
Che c’entra con il cortile dell’Accademia?

“Siate anima e sarete belli e rilassati come me!”

Ma i ragazzi disegnano cose dolorose.
O complicate. Penso, ma non ne sono sicuro.
Vivo in campagna. Ancora alle prese con l’astrattismo.
In realtà Napoleone aveva fiammelle che gli coprivano
il giallo del petto: Sant’Elena, a tre metri sul livello dell’acqua.
Inginocchiato. 140 x 100, La chiave del cielo.
Micronauti, 30 x40. Una nave arenata nel deserto.
Senza futuro all’orizzonte.

Però non vorrei dirlo così.

In realtà non c’è orizzonte.

Annunci