Buon Natale bimbi fantasmini.

di Lucio Mayoor Tosi

Che la notte vi sia adeguata
gli angeli sappiano tenersi sulle punte
le mamme svengano d’amore sulle porte
i cani vi lecchino sulla bocca

le banche almeno a Natale si facciano il bidé
tutti gli aeroplani vadano inutilmente a Las Vegas
le bombe cadano giù dalla sfera terrestre
gli aguzzini s’ingozzino fino a scoppiare

i vostri amori andati piangano sul balcone
pensandovi persi e derelitti senza di loro.
Qualcuno gli offra una tazza di zabaglione
mentre si gioca a “Chi l’ha detto”.

I poeti si mettano le dita nel naso
starnutendo sulle torte; poi
sbattano le porte mettendosi a piangere
e invocano il Dio dei cammelli.
Che faccia una strage.

Le porte del Paradiso si aprano
puntuali alle 9:00 am
in TV mostrino finalmente le acrobazie
di un aeroplanino al di sopra delle Alpi
mentre combatte per consegnare
una lettera.

Il vicino di casa si rompa una gamba
la vicina novantenne vinca un viaggio
per due persone in capo al mondo
( a mio fratello che gli tornino i capelli
e siano scuri).

Vi auguro che stanotte vi tremino le labbra
per le stelle che si sono date appuntamento
nel vostro corpicino: centomila miliardi
se ne escano, centomila ne entrino
e altrettante ne restino ( se regge il verbo)
scatenate.

Che i morti vi portino un fiore.

Annunci